Home News La rapida transizione energetica globale potrebbe salvare milioni di vite

La rapida transizione energetica globale potrebbe salvare milioni di vite

sa Redazione-RiBio

La combustione di combustibili fossili per produrre energia è una delle principali cause di inquinamento atmosferico e dei relativi problemi di salute

Ridurre l’inquinamento atmosferico globale può salvare milioni di vite

Ciò è dimostrato da un team internazionale di scienziati guidato dal Max Planck Institute for Chemistry .

 Il contributo più importante a ciò sarebbe la rapida uscita dalla combustione dei combustibili fossili, un passo che è attualmente richiesto principalmente per motivi di protezione del clima.

 I ricercatori hanno studiato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana usando un modello di chimica atmosferica globale, ma lo hanno anche usato per analizzare gli effetti degli inquinanti atmosferici che li legano al vapore acqueo delle nubi con effetto sulle precipitazioni e sul clima.

Il team guidato dal ricercatore atmosferico Jos Lelieveld, direttore del Max Planck Institute for Chemistry, ha calcolato che le emissioni derivanti dalla combustione di petrolio, gas naturale e carbone sono responsabili di circa il 65 percento dei decessi prematuri causati da inquinanti atmosferici in tutto il mondo. 

L’aria inquinata quindi aumenta significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e respiratorie. 

Secondo Richard Burnett di Health Canada, coautore dello studio, l’onere per la salute derivante dalla polvere fine è estremamente elevato

Un’uscita dall’uso di combustibili fossili impedirebbe così ogni anno oltre tre milioni di morti premature in tutto il mondo. 

“Se si chiudessero tutte le fonti di inquinamento atmosferico provocate dall’uomo, il numero aumenterebbe a oltre cinque milioni all’anno” spiega Richard Burnett

L’inquinamento atmosferico influisce sul clima

La fine dell’inquinamento atmosferico non avrebbe solo un impatto sulla salute della popolazione mondiale, ma avrebbe anche un impatto sul clima. 

Una fermata globale alla combustione di combustibili fossili rallenterebbe in modo significativo l’aumento del contenuto di CO 2 nell’atmosfera, ma l’attuale quantità di circa 400 ppm nell’aria non diminuirebbe subito. 

Al contrario, l’inquinamento atmosferico da particelle di polvere fine nell’atmosfera, che riflettono parte della radiazione solare e raffreddano la terra in una certa misura, diminuirebbero rapidamente.

 Ecco perché se i combustibili fossili globali dovessero essere abbandonati, ci sarebbe anche un aumento della temperatura globale a breve termine di circa 0,5 gradi Celsius.

Tuttavia, sembra ancora possibile limitare il riscaldamento globale a due gradi. 

“L’aumento della temperatura dopo aver rimosso tutte le particelle di sporco dall’aria può essere mitigato riducendo contemporaneamente i gas serra ozono, metano e idrocarburi alogenati nella troposfera”, spiega Veerabhadran Ramanathan, coautore dello studio e professore all’Università della California

Nonostante la loro durata più breve, questi composti sono gas serra più forti rispetto al biossido di carbonio. La loro riduzione avrebbe quindi un effetto di raffreddamento diretto, mentre l’impatto sul clima della CO 2 durerà per secoli.

Più precipitazioni attraverso meno polvere fine

Secondo i ricercatori, un minor numero di particelle di polvere fine nell’atmosfera e il conseguente aumento della temperatura superficiale del mare assicurano anche che evaporerebbe più acqua dagli oceani, il che aumenterebbe la quantità di pioggia, in particolare nelle regioni colpite dalla siccità. 

L’effetto sarebbe particolarmente pronunciato nelle aree monsoniche e potrebbe migliorare la sicurezza alimentare e l’accesso all’acqua per le persone in alcune parti dell’Africa, dell’America centrale, della Cina e dell’India.

Gli scienziati ritengono che l’eliminazione graduale dei combustibili fossili non solo proteggerebbe il clima a medio termine, ma offrirebbe anche un’ottima opportunità per migliorare significativamente la salute delle persone in tutto il Mondo. 

Related Posts

Leave a Comment

RiBio.it utilizza cookies per migliorare l'esperienza dell'utente nel rispetto dei dati personali Accetta Info