Home ABITAREBio-Edilizia Come fare un tetto d’erba- guida pratica

Come fare un tetto d’erba- guida pratica

sa Redazione-RiBio

Guida per realizzare un “tetto verde”

Un pò tutti abbiamo visto almeno in foto le case in legno tipiche dei paesi nordici, in particolare Islanda e Groenlandia, case che già come primo impatto denotano un aspetto peculiare, il Tetto ricoperto di un bel manto erboso.

Il tetto ricoperto dal manto erboso non è un’idea artistica uscita dal’immaginario tolkeriano, dei paesaggi legati agli hobbit, la Contea, ma è un’idea eco-compatibile per aumentare l’isolamento termico in modo lowcost e ridurre quindi anche la spesa energetica.

Il manto erboso migliora l’isolamento termico: risulterà notevolmente più fresco durante i mesi estivi e, allo stesso tempo, meno freddo in inverno, grazie alla minor dispersione termica ottenuta con la presenza della micro vegetazione.

In questa guida, vi daremo gli spunti per realizzarlo. Magari partite prima da un capanno per gli attrezzi,una casetta da giardino o un porticato; non solo ne migliorerete l’aspetto, per meglio integrarlo con l’mabiente circostante, ma sarà anche più confortevole utilizzare quell’ambiente.

Creare il tetto verde sul capanno degli attrezzi

Per migliorarne l’aspetto della nsotra casetta in legno ed integrarla meglio col il resto del giardino , è possibile fare crescere sul tetto delle erbe , per creare quello che viene definito “tetto verde”: una sorta di “camouflage” a mimetizzare quest’elemento nel paesaggio.

La sicurezza prima di tutto

Un tetto verde può essere realizzato facilmente ed a basso costo , a patto che si prendano alcune precauzioni importanti per garantire la sicurezza della struttura.

Proprio per questo , è importantissimo verificare l’integrità e la stabilità della struttura, che deve essere in grado di sostenere il peso del substrato vegetale che vi crescerà, oltre ad eventuale pioggia o neve. 

Per valutare quest’aspetto, meglio rivolgersi ad un tecnico, un geometra o ingegnere, per farsi dare un parere consono, considerate che un tetto verde, in media, può pesare fino a 150 kg per mq di superficie.

Come si fa 

Per realizzare il tetto, dovrete riaddatare la vostra attuale superficie esterna “il tetto” per farla diventare un contenitore di substrato di terriccio la lastra.

La prima operazione quindi sarà di utilizzare delle assi di compensato per costruire le pareti laterali del grande contenitore che diventerà il tetto verde.

tetto verde capanno attrezzi

Una volta posta, ancorata, la fascia laterale deve essere saldata al tetto sottostante, anche con chiodi e collante.

La superficie interna dovrà esser ricoperta di guaina, anche se il tetto già aveva un suo strato bituminoso, vi consigliamo di avere un doppio strato di guaina, anche sottile, per non permettere infiltrazioni di acqua e sopratutto che le radici non ne creino.

Subito sopra lo strato bituminoso è consigliato stendere una superficie alveolata (solitamente in materiale plastico come il polipropilene), che serve per ancorare il substrato di terriccio e drenare meglio l’acqua, creandone una microriserva tra le ceccle.

Per un drenaggio ottimale: è meglio che il tetto abbia una lieve inclinazione, così da permettere il deflusso dell’acqua piovana ed evitare che si accumuli sul tetto appesantendolo.

A questo punto si va ad inserire il substrato di terriccio per la crescita del manto erboso, il terriccio deve essere il più leggero possibile, non usate il terriccio universale è troppo pesante, esistono mix di terreno già pronto per fare il tetto verde “Roof Soil”, composti da humus e da inerti come: pietra pomice, lapillo vulcanico o perlite

Inserito il substrato, si dovrà procedere alla sistemazione delle piante, in caso di graminacee ed erbe perenne, si può anche usare semplici semi da gettare sul “tetto”, per ottenere una copertura uniforme si può anche prevedere di comprare sementi appositi per tetti verdi, abbinando così specie diverse o floreali.

Non croprite tutta la superficie, nel tempo le piante cresceranno espandendosi lateralmente e ricoprendo l’intera superficie.

Le piante per coprirlo

La scelta delle piante deve cadere inevitabilmente su specie rustiche e frugali, che non richiedano manutenzione, considerata la posizione in cui dovranno vivere.

Preferibilmente, specie perenni rustiche ed adattabili: resistenti alle intemperie, alle temperature rigide invernali e, nel contempo, al caldo siccitoso estivo.

Devono essere caratterizzate da un apparato radicale superficiale, in modo che non cerchino di bucare la copertura.

Le erbacee

Sono adatte le erbacee perenni , piantine che tendono a espandersi lateralmente formando un tappeto che con l’indrodursi della primavera diventa pieno di fior.

In questa specie troviamo piante come: la Petrorhagia saxifraga ( fiorellini bianchi a 5 petali)  Dianthus carthusianorum ( garofanini viola), Thymus serpyllum (fiori color malva molto profumati).

Le succulente

Le piante succulente sono piante grasse particolarmente adatte per il nsotro intento, poiché sono molti resistenti ed adattabili, hanno unapparato radicale molto superfiaciale e possono vivere ricavando acqua dall’umidità atmosferica e si adattano molto bene al clima, che sia freddo o caldo.

  • I generi Sempervivum Saxifraga sono , estremamente resistenti e li potete trovare con varie colorazioni.
  • Il genere Sedum invece è caratterizzato da fitte e minute foglioline verde brillante ed è ha abbondanti fioriture
  • Sedum sexangulare presenta fiori gialli
  • Sedum album ha fiori bianchi
  • Sedum “Ruby Glow” fiori porpora
  • Delosperma sono molto ricchi di fiori e presentano tonalità vivaci, il nubigenum è a fiori gialli
  • Delosperma sutherlandii a fiori rosa

Le graminacee

Si può optare anche per delle graminacee:

  • Festuca glauca
  • Festuca filiformis
  • Briza media
  • e tante altre.

Sono caratterizzate da foglie sottili che creano un morbido effetto ondeggiante con il vento, una sorta di onda verde.

Queste specie, seppur bellissime, richiedono un pò di manuntenzione, vanno rasate almeno una volta a fine estate e serve controllare il grado di umidità del substrato, se tropo secco, vanno innaffiarle.

Related Posts

Leave a Comment

RiBio.it utilizza cookies per migliorare l'esperienza dell'utente nel rispetto dei dati personali Accetta Info